Corte di Cassazione sez. V Sentenza 13/12/2023 n. 34895

Notifica eseguita direttamente mediante raccomandata A.R. –  si applicano le norme del servizio postale e non quelle della L.890/1982

In tema di riscossione delle imposte, qualora la notifica della cartella di pagamento sia eseguita, ai sensi dell’art. 26, comma 1, seconda parte, del d.P.R. n. 602 del 1973, mediante invio diretto, da parte del concessionario, di raccomandata con avviso di ricevimento, trovano applicazione le norme concernenti il servizio postale ordinario e non quelle della l. n. 890 del 1982 in quanto tale forma “semplificata” di notificazione si giustifica, come affermato dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 175 del 2018, in relazione alla funzione pubblicistica svolta dall’agente per la riscossione volta ad assicurare la pronta realizzazione del credito fiscale a garanzia del regolare svolgimento della vita finanziaria dello Stato. Nella fattispecie di notificazione diretta della cartella mediante consegna del plico raccomandato al portiere dello stabile, non applicandosi le norme di cui alla l. 890/82 non è necessario l’invio di una successiva raccomandata informativa.

cass notifica

Torna in alto