CORTE DI CASSAZIONE Sentenza Num. 7665 del 21 marzo 2024 | Aspel
18075
post-template-default,single,single-post,postid-18075,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza Num. 7665 del 21 marzo 2024

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza Num. 7665 del 21 marzo 2024

TARI – AREA PORTUALE DI NATURA DEMANIALE – MANCATA ISTITUZIONE DELLA AUTORITA’ PORTUALE – REGIME DI PRIVATIVA COMUNALE – SUSSISTE

Nell’ambito dell’area portuale, intesa come spazio territoriale nel quale svolge i suoi compiti l’Autorità portuale, l’attività di gestione dei rifiuti appartiene alla competenza di quest’ultima, che non si limita al servizio di pulizia all’interno del porto, ma è tenuta, ad attivare il relativo 
servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti fino alla discarica; in relazione a detta attività, deve conseguentemente escludersi la competenza dei Comuni.
In caso di mancata istituzione dell’Autorità portuale, non si ravvisa alcuna competenza suppletiva dell’Autorità marittima in materia di tassazione dei rifiuti solidi urbani prodotti nell’ambito portuale, che resta quindi per regola generale riservata in regime di privativa al Comune interessato; rientra invece nella competenza dell’Autorità portuale o, in mancanza, dell’Autorità marittima, il diverso servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui dei carichi navali, servizio per il quale il Comune non ha, in effetti, alcuna potestà impositiva

_20240321_snciv@s50@a2024@n07665@tS.clean