CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA N.32742 DEL 7/11/2022 | Aspel
17747
post-template-default,single,single-post,postid-17747,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N.32742 DEL 7/11/2022

CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA N.32742 DEL 7/11/2022

Rappresentanza del Comune nel giudizio tributario anche con dirigente di altro servizio – Legittimità  – esenzione parziale dell’immobile per uso di culto – dichiarazione – necessità

E’ legittima la sottoscrizione dell’appello da parte di un dirigente diverso da quello dell’ufficio tributi, dal momento che il Tuel demanda all’ente locale la disciplina (attraverso statuto e regolamenti) sui modi di esercizio della rappresentanza legale dell’ente, anche in giudizio.
La esenzione di cui all’art. 7, comma 1, lett. i, d.lgs. n. 504 del 1992 può applicarsi, in caso di uso misto dell’immobile proporzionalmente, a quella porzione dell’immobile destinata all’attività di culto esente anche laddove non sia possibile procedere alla autonoma identificazione catastale di tale parte dell’unità immobiliare, ma resta necessaria una specifica indicazione, da parte del contribuente, nella apposita dichiarazion.

_20221107_snciv@s50@a2022@n32742@tO.clean