Corte di Cassazione Sentenza 30 ottobre 2020 n. 30227 | Aspel
17248
post-template-default,single,single-post,postid-17248,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Corte di Cassazione Sentenza 30 ottobre 2020 n. 30227

Corte di Cassazione Sentenza 30 ottobre 2020 n. 30227

a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 180 del d.l. 19 maggio 2020, n. 34 (cd. decreto rilancio), convertito nella legge n. 77 del 20 luglio 2020, non è configurabile il delitto di peculato nella condotta del gestore della struttura ricettiva che ometta di versare al Comune le somme riscosse a titolo di imposta di soggiorno. Deve ribadirsi la rilevanza penale a titolo di peculato delle condotte  commesse in epoca anteriore alla novatio legis di cui all’art. 180 citato.

 

1604488404_cassazione-30227-2020-peculato-albergatore-imposta-soggiorno-abolitio-decreto-rilancio-criterio-strutturale