Corte di Cassazione Ordinanza sez. VI 4/11/2021 n. 31784 | Aspel
17501
post-template-default,single,single-post,postid-17501,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Corte di Cassazione Ordinanza sez. VI 4/11/2021 n. 31784

Corte di Cassazione Ordinanza sez. VI 4/11/2021 n. 31784

IMU leasing – imposta dovuta dalla data di risoluzione del contratto anche in caso di mancata riconsegna dell’immobile – il contratto  determina la soggettività passiva del locatario  non avendo rilievo  la disponibilità del bene,

Il D.Lgs. n. 23 del 2011, art. 9, individua nel locatario il soggetto passivo, nel caso di locazione finanziaria, a decorrere dalla data di stipula e per tutta la durata del contratto, derivandone, qualora il contratto di leasing sia risolto e l’immobile non sia stato restituito, che il locatore ritorna ad essere soggetto passivo. Ne discende che con la risoluzione del contratto di leasing la soggettività passiva ai fini Imu si determina in capo alla società di leasing, anche se essa non ha ancora acquisito la disponibilità materiale del bene per mancata riconsegna da parte dell’utilizzatore

imu leasing