CORTE DI CASSAZIONE Ordinanza Num. 6096 del 6/3/2024 | Aspel
18065
post-template-default,single,single-post,postid-18065,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

CORTE DI CASSAZIONE Ordinanza Num. 6096 del 6/3/2024

CORTE DI CASSAZIONE Ordinanza Num. 6096 del 6/3/2024

IMU – esenzione l’art. 7, comma 1, d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 504 -Immobili di proprietà RSA – Regime di Convenzione con la Regione – Non Sussiste
E’ esclusa la sussistenza dei presupposti dell’esenzione  quando l’attività svolta nell’immobile dalla Fondazione («attività di RSA ex IPAB, svolta in convenzione con la Regione ) non può ritenersi avere «finalità sociale», poiché «il regime di convenzione di cui gode la Fondazione non …(era)… da solo sufficiente a dimostrare l’utilizzo per finalità sociali», evidenziando altresì quanto segue:«… la convenzione prevede che la Regione  si avvale delle strutture private, come nel caso in esame, per prestare servizi sanitari ai cittadini. Per tali servizi corrisponde un corrispettivo pattuito stabilito dalla convenzione in funzione dei costi sostenuti e per la produzione dei servizi resi. In questo senso si osserva che l’attività sanitaria svolta all’interno di una RSA in quanto diretta alla produzione di beni e servizi deve essere inquadrata nell’ambito di quelle che rivestono carattere commerciale a nulla rilevando che l’Ente proprietario dell’immobile sia un soggetto nobn avente scopèo di lucro.

_20240306_snciv@s50@a2024@n06096@tO.clean