CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA N.4530 DEL 20/02/2024 | Aspel
18061
post-template-default,single,single-post,postid-18061,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA N.4530 DEL 20/02/2024

CORTE DI CASSAZIONE ORDINANZA N.4530 DEL 20/02/2024

IMU – ESENZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE – UNICO IMMOBILE  – SUSSISTE

 

E’ inapplicabile se riferita ad unità immobiliari contigue che, pur diversamente accatastate, siano destinate ad essere in concreto
utilizzate come abitazione principale, l’agevolazione prevista per l’IMU dall’art. 13, comma 2, del d.l. 6 dicembre 2011,n. 201, convertito, con modificazioni, nella legge 24 dicembre2011, n. 214 .Il tenore letterale dell’art. 13, comma 2, è chiaro, diversificanadosi in modo evidente
dalla previsione sull’ICI in tema di agevolazione relativa al possesso di abitazione principale: la disposizione de qua contiene, difatti,
un’inequivocabile limitazione dell’agevolazione ad un’unica unità immobiliare, statuendo che «l’imposta municipale propria non si
applica al possesso dell’abitazione principale e delle pertinenze della stessa.

_20240220_snciv@s50@a2024@n04530@tO.clean