CORTE DI CASSAZIONE -Ordinanza 27 luglio 2018, n. 20018

TARSU – Aree produttive di rifiuti speciali – Esclusione dalla superficie tassabile – Onere di denuncia preventiva all’amministrazione comunale – Prova a carico del contribuente

La disciplina agevolativa prevista per i rifiuti speciali dall’art. 62, comma 3, del d. lgs. n. 507/1993, non opera automaticamente ma necessita di denuncia ai fini della determinazione delle superfici tassabili, affinché dalle stesse possano essere scomputate quelle destinate alla produzione di rifiuti speciali, incombendo alla impresa contribuente l’onere di fornire all’amministrazione comunale i dati relativi all’esistenza ed alla delimitazione delle aree che, per il detto motivo, non concorrono alla quantificazione della complessiva superficie imponibile.

CASSAZIONE 27 luglio 2018, n. 20018

Torna in alto